home page home page home page home page
area clinica contributi degli esperti consulenza psicologica risorse di psicologia area riservata chi siamo

Disturbo Borderline


 

Il disturbo borderline deriva il suo nome dall'antica classificazione dei disturbi mentali come nevrosi o psicosi, situandosi questi pazienti al limite della psicosi, pur non giugendo agli estremi delle psicosi gravi come la schizofrenia.

 

Secondo il DSM IV TR un disturbo di personalitÓ rappresenta un modello di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura dell'individuo, Ŕ pervasivo e inflessibile, esordisce nell'adolescenza o nella prima etÓ adulta, Ŕ stabile nel tempo, e determina disagio o menomazione. I disturbi di personalitÓ si distunguono per semplicitÓ in tre grandi gruppi A, B e C in base ad analogie descrittive. Il gruppo A include i disturbi di personalitÓ paranoide, schizoide e shizotipico. Gli individui con questi disturbi spesso appaiono strani o eccentrici. Il gruppo B comprende i disturbi di personalitÓ antisociale, borderline, istrionico e narcisistico . Gli individui con questi disturbi appaiono spesso amplificativi, emotivi o imprevedibili. Il gruppo C comprende i disturbi di personalitÓ evitante, dipendente ed ossessivo compulsivo. Gli individui con questi disturbi appaiono spesso ansiosi o paurosi.

 

 

-Diagnosi secondo il DSM

Le caratteristuche essenziali di questo disturbo sono una modalitÓ pervasiva di instabilitÓ delle relazioni interpersonali, dell'autostima e dell'umore e una marcata impulsivitÓ, che iniziano nella prima etÓ adulta e sono presenti in una varietÓ di contesti, come indicato da cinque (o pi¨) dei seguenti sintomi:

 

Frequenti ed immotivate oscillazioni dell'umore

Persistente instabilitÓ nell'immagine di sÚ

Frequenti ideazioni suicide o comportamenti autolesivi o mutilanti

Senso cronico di vuoto

Paura dell'abbandono, che spinge spesso a comportamenti manipolatori atti ad evitare lo stesso

Comportamenti impulsivi in aree a rischio (quali gioco d'azzardo, guida spericolata, abuso di sostanze)

Sintomi dissociativi infrequenti e comunque circoscritti a periodi di particolare stress

Frequente disforia e marcata reattivitÓ emotiva

IncapacitÓ di controllare la rabbia

 

-Trattamento

╚ consigliabile un approccio integrato tra psicoterapia e farmacoterapia, quest'ultima a base di stabilizzatori dell'umore (al litio si preferisce il valproato) ad ansiolitici, se necessari, ed antidepressivi, i quali andranno sospesi al minimo sospetto dell'inizio di un periodo di mania.

 

Il testo contenuto in questa pagina Ŕ stato attentamente selezionato

da PSICOLOGIA ITALIA su WIKIPEDIA, l'enciclopedia libera  http://it.wikipedia.org
Viene riprodotto liberamente con GNU Free Documentation License (
http://www.gnu.org )

e rilasciato con la stessa licenza e condizioni. Lo scopo di Psicologia Italia Ŕ di selezionare con queste pagine una fonte di informazione liberamente disponibile.
- Disclaimer -

 

Direttore:   Dott. Pierpaolo Casto   

- Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitivo - Comportamentale

Studio: Via Mazzini, 76   73042  CASARANO  ( Lecce )  

Tel.   328. 9197451

 

 
area clinica contributi degli esperti consulenza psicologica risorse di psicologia area riservata chi siamo
  ę Psicologia Italia dal 2004 - Tutti i diritti relativi a grafica sono riservati.